aeroporto-di-capodichino-da-record,-luglio-e-stato-“il-mese-migliore-di-sempre”

Aeroporto di Capodichino da record, luglio è stato “il mese migliore di sempre”

Luglio è stato il mese ‘migliore di sempre’ per l’Aeroporto di Capodichino: con 1 milione 272mila800 passeggeri transitati durante tutto il mese appena concluso. Luglio ha quindi superato, di gran lunga, il precedente primato stabilito nell’agosto 2019 con 86mila passeggeri. Sono stati più di 906 mila i passeggeri internazionali, più di 366 mila invece quelli sulle tratte nazionali.

I “numeri” di Capodichino 

Luglio pare essere stato un mese molto fortunato per l’aeroporto partenopeo, ha infatti registrato svariate cifre da record. Sono stati più di 45mila i passeggeri in un singolo giorno. I passeggeri di luglio si sommano a quelli dei mesi precedenti facendo raggiungere a Capodichino la cifra di 5milioni 989mila circa. Nonostante la cifra da record di Luglio il totale registra un meno due per cento rispetto allo stesso periodo del 2019. Ad aiutare questo Luglio non è stata solo la voglia di viaggiare dopo il virus ma anche l’aumento della connettività: sono infatti 108 le destinazioni raggiungibili con volo diretto da Napoli, 2 in più rispetto al 2019. Napoli raggiunge così il suo personalissimo record europeo.

“Record europeo”

Secondo il “Connectivity Report” pubblicato a giugno la connettività dello scalo di Napoli è aumentata del 20% rispetto al 2017, mentre la media europea è diminuita del 22%. Per tre mesi consecutivi (aprile, maggio e giugno) Capodichino ed il suo scalo hanno raggiunto la “vetta” europea. In quei mesi è infatti risultato l’aeroporto con la crescita maggiore. Roberto Barbieri, Amministratore Delegato di GESAC commenta così: “Uno straordinario risultato ottenuto grazie allo spirito di squadra e ai sacrifici fatti da tutti i lavoratori aeroportuali durante i due durissimi anni della pandemia“. “Ancora una volta lo scalo di Napoli conferma il suo ruolo trainante nello sviluppo della filiera turistica, dell’occupazione e di generale impulso all’economia del territorio” conclude.

Antonella Tammaro

Related Posts

Lascia un commento