barry-magee:-«io,-terzo-dietro-ad-abebe-bikila-a-roma-1960:-quando-lo-vidi-scalzo,-pensai-che-fosse-pazzo»

Sessant’anni dopo i ricordi di Magee, terzo nella maratona-icona, il neozelandese è l’unico sopravvissuto: «Soldi e tecnologia hanno rivoluzionato lo sport»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *