bitcoin-puo-sostituire-il-dollaro-usa-come-valuta-di-riserva-globale-del-mondo?

Bitcoin Può Sostituire Il Dollaro USA Come Valuta Di Riserva Globale Del Mondo?

Per alcuni sostenitori di Bitcoin, sostituire il dollaro USA come valuta di riserva mondiale è un obiettivo ambizioso, anche se raggiungibile. Ma è realistico?

 Le misure di stimolo del governo in risposta alla pandemia COVID hanno portato alcuni a sostenere che il dollaro USA rischia di essere sostituito come valuta di riserva globale.

I sostenitori di Bitcoin hanno sostenuto che la criptovaluta potrebbe prendere il posto del dollaro; ma gli scettici non sono d’accordo.

 Dalla fine della seconda guerra mondiale e dalla conferenza di Bretton Woods, il dollaro USA è stato la valuta di riserva globale; oggi, secondo il Fondo monetario internazionale, oltre il 59% delle riserve di banche estere sono denominate in dollari statunitensi.

Bitcoin Può Diventare Una Moneta Ufficiale?

 Ma negli ultimi tempi la posizione del dollaro come valuta di riserva globale è sembrata alquanto instabile. Lo scorso luglio, gli strateghi di Goldman Sachs hanno sostenuto che la risposta COVID del governo degli Stati Uniti, prendendo pacchetti di stimolo fiscale e stampa di denaro, sta scatenando “paure di svalutazione” che potrebbero vedere il dollaro rovesciato dalla sua posizione di valuta di riserva mondiale.

E lo yuan cinese continua a stroncare il dollaro mentre il paese corre avanti con un ambizioso programma di innovazioni in valuta digitale.

Con lo status del dollaro come valuta di riserva globale potenzialmente in palio per la prima volta da decenni, i sostenitori di Bitcoin hanno colto l’opportunità di parlare della criptovaluta come possibile alternativa.

Nel dicembre 2020, Ruchir Sharma, capo stratega globale di Morgan Stanley, ha scritto un editoriale del Financial Times prevedendo la fine dello status del dollaro come valuta di riserva globale e la sua eventuale sostituzione con Bitcoin.

“Temendo che le banche centrali guidate dalla Federal Reserve statunitense stiano svalutando il valore delle loro valute, molte persone hanno acquistato bitcoin all’ingrosso da marzo”, ha scritto Sharma. Nella tesi di Sharma, i risparmiatori cauti sono attratti da Bitcoin perché la sua offerta è limitata artificialmente, a differenza del dollaro e di altre valute legali, che non hanno limiti di offerta.

Una delle conseguenze della degradazione è l’inflazione. Una valuta internazionale consolidata può effettivamente perdere terreno rispetto ad altre e alla fine potrebbe perdere la sua posizione dominante, ha spiegato George Selgin, direttore del Center for Monetary and Financial Alternatives presso il think tank Cato Institute.

Tuttavia, ha aggiunto, “non è una cosa facile che accada”. Deve diventare sufficientemente instabile in valore.

Lo scorso anno gli Stati Uniti hanno registrato un tasso di inflazione dell’1,25%. E secondo un calcolo della Federal Reserve di Minneapolis pubblicato il mese scorso, c’è una probabilità del 33% che il tasso di inflazione degli Stati Uniti salga sopra il 3% nei prossimi cinque anni.

Tutto questo dà a Selgin qualche motivo per essere preoccupato nel lungo periodo, “ma anche in questo caso non è affatto certo che stiamo guardando a due cifre nel medio o lungo periodo”. Il tasso di inflazione degli Stati Uniti non è affatto vicino al 36% dell’Argentina o al 15% della Turchia.

Nel dubbio se Bitcoin diventera’ o meno una moneta ufficiale o no, investitori privati possono portarsi avanti investendo in criptovalute, usando piattaforme come bitindex prime, per esempio.

Effetti Di Rete

Se il dollaro dovesse collassare, il prossimo carrozzone su cui le persone salterebbero non sarebbe Bitcoin, ha aggiunto Selgin, ma altre valute legali. Questo perché sono popolari, liquidi, e questo è ciò che conta nelle transazioni globali. È l’idea alla base di ciò che gli economisti chiamano “effetti di rete”.

L’argomento di Sharma a favore del Bitcoin come valuta di riserva non si basa tuttavia esclusivamente sulla svalutazione dovuta alla stampa di denaro; la criptovaluta dovrebbe anche funzionare come un utile mezzo di scambio. “Le piccole imprese stanno iniziando a utilizzare bitcoin nel commercio internazionale, in particolare nei paesi in cui i dollari possono essere difficili da trovare (come la Nigeria) o la valuta locale è instabile (Argentina)”, ha scritto.

Ma Bitcoin può rappresentare una seria sfida all’uso del dollaro come mezzo di scambio globale?

“L’enorme liquidità del dollaro e gli effetti di rete sono il vento contrario più forte contro l’ascesa di Bitcoin”, ha detto Voorhees a Decrypt, notando che Bitcoin è passato dal nulla a una capitalizzazione di mercato di trilioni di dollari nel corso di un decennio. “Bitcoin sta guadagnando il proprio effetto di rete con il tempo”, ha detto.

Conclusione

La capitalizzazione di mercato di 827 miliardi di dollari di Bitcoin sembra sbalorditiva. Dopotutto, ci sono 2 trilioni di dollari in circolazione e poco più di 1,43 trilioni di euro a marzo 2021.

Ma questi numeri non forniscono esattamente un confronto tra mele e mele. Dollari ed euro vengono utilizzati attivamente nelle transazioni quotidiane, a differenza del Bitcoin, anche se può essere adottato in alcuni casi isolati.

Un rapporto di Deutsche Bank pubblicato nel marzo 2021 ha rilevato che le transazioni in Bitcoin hanno una media di circa 0,5 miliardi al giorno, pari allo 0,02% delle transazioni in euro e allo 0,009% delle transazioni in dollari.

“La liquidità di Bitcoin è molto più vicina al baht thailandese”, afferma il rapporto. E il baht thailandese, nemmeno un remoto contendente per lo status di riserva globale, non è il tipo di rivale di Bitcoin pronto a sconfiggere. Se “transazioni internazionali” è la condizione necessaria per lo status di valuta di riserva, allora le probabilità non si accumulano a favore di Bitcoin, almeno nel prossimo futuro.

Related Posts

Lascia un commento