cos’e-il-mes,-il-‘fondo-salva-stati’-europeo-ratificato-dalla-germania:-l’italia-rischia-l’isolamento-–-il-riformista

Cos’è il Mes, il ‘fondo salva Stati’ europeo ratificato dalla Germania: l’Italia rischia l’isolamento – Il Riformista

Il verdetto di Karlsruhe

Redazione — 9 Dicembre 2022

Cos’è il Mes, il ‘fondo salva Stati’ europeo ratificato dalla Germania: l’Italia rischia l’isolamento

Il via libera al processo di ratifica della riforma del Meccanismo europeo di stabilità, il cosiddetto fondo salva-Stati, è arrivato dalla Corte costituzionale tedesca che ha dichiarato quindi inammissibile il ricorso di costituzionalità sollevato da alcuni deputati liberali contro l’approvazione dell’accordo che modifica il Trattato che istituisce il Mes.

Insieme all’Italia, la Germania è l’unico Paese dell’Eurozona a non aver ancora ratificato la riforma del Mes, attendendo proprio la pronuncia della Corte di Karlsruhe. Secondo la Corte i ricorrenti non hanno spiegato in modo esaustivo dove sarebbero lesi i loro diritti. “Accolgo con favore la decisione della Corte costituzionale tedesca sul trattato del Mes. Si tratta di un passo importante che ora apre la strada alla sua ratifica da parte della Germania”, ha commentato su Twitter il presidente dell’Eurogruppo, Paschal Donohoe.

Ma cosa è il Mes? In inglese Esm, è il meccanismo per la risoluzione delle crisi creato nel 2012, in sostituzione del Fondo europeo di stabilità (Fesf), un meccanismo temporaneo istituito nel 2010 per far fronte alla crisi del debito sovrano. La sua funzione è fornire assistenza ai Paesi dell’Eurozona che hanno gravi problemi finanziari.

L’assistenza viene concessa solo se è necessaria per salvaguardare la stabilità finanziaria dell’intera Eurozona e degli stessi membri del Mes. Il Meccanismo europeo di stabilità è un organismo intergovernativo e ha sede in Lussemburgo. Il suo direttore è il tedesco Klaus Regling. L’Italia è il terzo maggior socio del Mes, dopo Germania e Francia, con 14,33 miliardi di capitale versato e 125,4 miliardi di capitale sottoscritto.

Cosa cambia la riforma? Le attribuisce una nuova funzione di garanzia al fondo di risoluzione unica delle banche. La rete di sicurezza entrata in vigore dal 2022, due anni prima del previsto. Con la riforma vengono rafforzati anche gli strumenti a disposizione del Mes e il suo ruolo nei confronti della Commissione Ue, in caso di assistenza agli Stati in difficoltà. Inoltre il Mes potrà fare da mediatore tra Stati e investitori privati qualora fosse necessaria la ristrutturazione di un debito pubblico.

Redazione

© Riproduzione riservata

Related Posts

Lascia un commento