diventare-super-oss-in-lombardia-ecco-cosa-fare-vademecum-di-uneba.

Diventare Super-OSS in Lombardia. Ecco cosa fare. Vademecum di UNEBA.

Diventare OSS con formazione complementare in Lombardia? Ecco il vademecum di Uneba. Più facile di così…

Oss con formazione complementare e infermieri loro referenti: la Regione Lombardia attiva un percorso sperimentale. Lo fa con la delibera di giunta  XI/6724 del 25 luglio 2022.

Il percorso è rivolto, spiega la delibera:

  • a  OSS già in servizio presso unità di offerta sociosanitarie autorizzate e accreditate di cure intermedie e della rete sociosanitaria residenziale e semiresidenziale per persone anziane e persone con disabilità;
  • in parallelo, a “infermieri referenti per l’inserimento di OSS con formazione complementare in assistenza sanitarie nelle unità di offerta sociosanitarie di cure intermedie, di RSA, RSD, CSS, SRM, CDD, CDI”.

Il percorso, si legge in delibera, parte della considerazione del ruolo strategico di infermieri e oss ” con particolare riferimento all’ambito della rete sociosanitaria delle cure intermedie socio sanitarie e della rete sociosanitaria residenziale e semiresidenziale per persone anziane e per persone con disabilità, caratterizzata in Regione Lombardia dalla distribuzione capillare di tali unità di offerta sul territorio e dalla relativa gestione prevalentemente ad opera di Enti del terzo settore (e gran parte degli enti del Terzo Settore sono associati Uneba Lombardia)

Il percorso per gli OSS è di 300 ore: 150 di lezioni teoriche e 150 di tirocinio: la delibera indica nel dettaglio materie, programmi e monte ore per ciascuna

Il percorso per gli infermieri si puo’ svolgere anche in FAD (formazi0ne a distanza) sincrona. I moduli previsti sono: la responsabilità professionale; la presa in cura e i piani assistenziali; la leadership nel processo di cura e assistenza.

La figura dell’OSS con formazione complementare era già prevista nell’Accordo Stato Regioni del 16 gennaio 2003

I costi per l’eventuale partecipazione ai corsi, spiega la delibera, “rimangono a carico degli enti gestori delle unità di offerta sociosanitarie”.

Uneba Lombardia e Aris Lombardia hanno proposto a Regione Lombardia di  assegnare a Uneba Lombardia e Aris Lombardia in collaborazione con l’Ordine delle Professioni Infermieristiche (OPI), la responsabilità di definire e realizzare i percorsi formativi di riqualifica degli Oss.

Cosa fa l’Operatore Socio Sanitario con formazione complementare in assistenza sanitaria? Spiega la delibera che “oltre a svolgere e assorbire tutte le attività dell’Operatore Socio Sanitario, coadiuva ad un contestualizzato modello organizzativo l’infermiere conformemente alle indicazioni che gli vengono impartire dallo stesso rispetto alle attività individuate nel contesto del presente documento. Tutte le attività sono verificate dall’infermiere”.

Un analogo percorso per OSS con formazione complementare e infermieri referenti è stato approvato dalla Regione Veneto con la delibera 650 del 1 giugno 2022.

Uneba Veneto e Uneba nazionale hanno da tempo insistito sulla necessità di introdurre la figura dell’oss con formazione complementare.

L’articolo Diventare Super-OSS in Lombardia. Ecco cosa fare. Vademecum di UNEBA. proviene da AssoCareNews.it – Quotidiano Sanitario Nazionale.

Related Posts

Lascia un commento