emergenza-migranti-a-reggio-calabria,-lamorgese:-“ministero-paghera-costi-accoglienza.-roccella?-ecco-come-si-agira”-|-foto-e-video

Emergenza migranti a Reggio Calabria, Lamorgese: “Ministero pagherà costi accoglienza. Roccella? Ecco come si agirà” | FOTO E VIDEO

La conferenza stampa del Ministro Luciana Lamorgese, oggi in Prefettura a Reggio Calabria: incontro con Prefetto e Sindaci per trovare soluzioni all’emergenza migranti che sta affliggendo la Regione e la provincia reggina in modo particolare

I flussi migratori nel mar Mediterraneo si sono modificati, nelle ultime settimane la Calabria è diventa la Regione italiana che sta accogliendo la maggiore quantità di profughi. A confermare quella che ormai è una chiara emergenza sono i numeri: dall’inizio del 2o22 sono oltre 4mila i migranti approdati nelle coste calabresi, di cui circa 2100 soltanto in provincia di Reggio, che, insieme a quella di Crotone, è il territorio maggiormente coinvolto nel fenomeno. Il problema è rappresentato dalla mancata presenza di strutture idonee ad accogliere un numero così elevato di persone: a Roccella Jonica gli Hub hanno raggiunto la massima disponibilità, nel capoluogo si deve ricorrere all’occupazione delle strutture sportive (esempio le palestre Palloncino e Scatolone). Questo mette in difficoltà non solo i cittadini calabresi, ma rappresenta anche un disagio dal punto di vista igienico-sanitario per i migranti (tanti sono i bambini e le donne).

E’ per tali motivi che questa mattina Luciana Lamorgese, Ministro degli Interni, si è recata a Reggio Calabria per partecipare al Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica convocato in Prefettura. Tra le tematiche della riunione anche l’emergenza rifiuti e sulle infiltrazioni mafiose nei lavori per i progetti previsti dal Pnrr. Alla riunione sono presenti il procuratore della Repubblica, Giovanni Bombardieri, il questore, Bruno Megale, il comandante provinciale dei carabinieri, col. Marco Guerrini, il comandante provinciale della Guardia di Finanza, col. Maurizio Cintura, il sindaco facente funzioni, Paolo Brunetti.

“Il Comitato è stato più lungo del previsto. Avevamo tanti aspetti da approfondire. Abbiamo parlato degli indici di criminalità, che vede un riscontro in meno nel corso di questi primi mesi del 2022, sia per la città Metropolitana che per Reggio Calabria. Abbiamo rilevata esigenza che venga previsto un aumento di organico delle forze di Polizia e Magistratura – ha esordito il Ministro Lamorgese – . Con il sindaco si è parlata della situazione dei quartieri della città e ho fatto presente che arriveranno 68 unità di personale. Si è parlato di immigrazione, di quelle che sono le nuove rotte migratorie da Grecia e Turchia, a livello nazionale sono aumentati gli sbarchi autonimi che fanno ricorso a piccole imbarcazioni, barche a vela. Ho visitato recentemente Ankara per mettere in evidenza l’aumento rispetto all’anno passato. Ci è stato assicurato che avrebbero operato con maggiore attenzione. La maggior parte dei profughi arrivano dall’Afghanistan, ma ci sono egiziani, tunisini, ma soprattutto sbarchi dalla Libia. I flussi cambiano a secondo della geopolitica continentale e locale, ci aspettiamo un aumento dei flussi. Certamente i sindaci non possono avere sul loro bilancio anche gli oneri derivanti da un flusso maggiore di sbarchi. Oggi firmerò il provvedimento di proroga per un mese dei bilanci di previsione, sarà il Ministero a prendere in carico i costi dell’accoglienza, che prima gravava sul bilancio dei Comuni. Ringrazio il personale delle forze dell’ordine per il lavoro che stanno svolgendo. Ho promesso anche ai procuratori il mio massimo impegno per ottenere risultati concreti, prestando grande attenzione anche al Porto di Gioia Tauro, in cui solo nel 2022 sono state sequestrate ben 11 tonnellate di droga. Mai come ora è un momento delicato con 3 Comuni sciolti, con una guerra alle porte del nostro Paese. Vanno riconosciuti sempre i diritti altrui e aiutare le autorità a rendere più sicura l’Italia“.

“Il Procuratore Gratteri l’ho sentito di recente, non ho dubbi sul nostro rapporto – ha continuato Lamorgese – . Governo Draghi non pervenuto? Non ho sentito la frase, forse ero impegnata. Credo che non ha parlato del Governo, ma di una politica. Credo che Draghi, così come Conte, abbiamo messo in atto gli allert necessari e le risorse affinché il lavoro non finisca nelle mani sbagliate. Servono controlli capillari per evitare questo. Migranti? Non possiamo sapere quanti ne arriveranno in estate. Situazione è in aumento, saranno molti di più dello scorso anno. Per quanto riguarda le strutture, il porto di Roccella è una dei luoghi più interessati, ma prima non era una rotta. Ora stiamo pensando a nuove soluzioni strutturate, rispetto a quella che ultimamente c’è. Roccella è un luogo di transito, poi i migranti sono redistribuiti nel territorio. Importante in questo il ruolo dell’Europa, devono essere stabilite insieme le strategie da attuare e ci sia solidarietà nei nostri confronti. Hotspot Roccella? Serviranno almeno 12 mesi per sistemarlo, in soccorso arriverà anche Medici senza Frontiere”.

Al tavolo della conferenza stampa presenti il Prefetto Massimo Mariani e il Sindaco f.f. Paolo Brunetti.

Related Posts

Lascia un commento