fantaexpo,-il-gran-ritorno-di-favij-ed-il-racconto-della-seconda-giornata.

FantaExpo, il gran ritorno di Favij ed il racconto della seconda giornata.

Momenti di intrattenimento e divertimento, ma anche di riflessione, nella seconda giornata di FantaExpo, il festival del fumetto, dell’animazione e della fantasia, in programma fino a domenica al Parco dell’Irno: riflettori puntati, nell’incontro in sala conferenze, sulle attività del collettivo Moleste, nato dalla necessità di un gruppo di autrici di condividere i propri vissuti di abuso o di discriminazione sessista nel mondo del fumetto. «Moleste non è solo un gruppo di denuncia – ricorda la sceneggiatrice Carmen Guasco, social media strategist e membro del direttivo del collettivo -, ma un luogo di riflessione, un laboratorio, in cui iniziare ad immaginare un ambiente più paritario e più inclusivo, in cui la professionalità sia realmente riconosciuta a tutti i livelli». All’incontro hanno preso parte anche il fumettista Tommaso Vitiello e la disegnatrice Alessia De Sio, che è tra le firme dell’antologia del collettivo dal titolo “Fai rumore – Nove storie per osare”, nata per dire basta alla violenza di genere.

Nella seconda giornata di FantaExpo, altro bagno di folla per Favij, che si è intrattenuto ancora a lungo con i suoi tanti fan e follower. E’ stato anche protagonista sul palco, parlando della sua esperienza di youtuber di successo: con il direttore creativo del festival, Marco Merrino, Lorenzo Ostuni ha raccontato Favij…e viceversa.

Tra i protagonisti della seconda giornata, anche Nick Radogna, youtuber, tiktoker e creator digitale da più di un milione di iscritti; nel corso del tempo ha saputo conquistare il pubblico grazie ai suoi contenuti comici e divertenti adatti a tutte le età.

Il day2 di FantaExpo si chiude con l’attesissimo concerto di Ketama126, al secolo Piero Baldini, reduce dal suo quinto album ufficiale “Armageddon”, in cui si affida alla trap per raccontare la sua vita, tra eccessi e riflessioni. A scatenare il pubblico anche Lil Jolie, nome d’arte di Angela Ciancio, artista ventiduenne, originaria di Caserta, tra le voci più interessanti della scena contemporanea. Lo scorso 27 maggio è uscito il suo EP d’esordio, “Bambina”, che segue una serie di singoli e collaborazioni con Ketama e Carl Brave. Nel suo primo album si focalizza sulla difficoltà di crescere, sull’attaccamento al passato e sull’inadeguatezza verso il futuro; sullo sfondo il desiderio di rimanere sempre bambina, mentre gli altri crescono velocemente, ma anche la consapevolezza che i punti bui sono anche punti di forza.

Related Posts

Lascia un commento