Germania, malori nel personale sanitario dopo il vaccino Astrazeneca

germania,-malori-nel-personale-sanitario-dopo-il-vaccino-astrazeneca

Sta destando preoccupazioni la notizia arrivata dalla Germania riportata dal quotidiano “Die welt”. Sembra, infatti, che molte persone abbiano manifestato importanti effetti collaterali dopo la somministrazione del vaccino Astrazeneca. Le inaspettate reazioni si sono registrate in modo particolare nelle città di Emden e Braumschweig  nella zona del Nord Reno-Westfalia. A sottoporsi alla vaccinazione sono stati dipendenti di cliniche ed ospedali, i quali hanno dopo poco cominciato a lamentare un senso di spossatezza e dolori ossei, al punto da avere serie difficoltà a stare in piedi e, conseguemente, non riuscendo a svolgere la propria attività lavorativa. L’attesa era di effetti collaterali nel 10-15% dei dipendenti, mentre sono arrivati ben al 40%.

E’ ben risaputo che i vaccini possono portare degli effetti collaterali ma quello che allarma è la concentrazione avvenuta in questa zona della Germania dove su 88 persone ben 37 sono state costrette a mettersi in malattia con inevitabili conseguenze sul locale sistema sanitario che si è trovato improvvisamente con un deficit di personale.

L’Istituto Paul Ehrlich, l’istituzione federale tedesca che si occupa di vaccini, sta cercando di capire cosa sia realmente accaduto. Probabilmente le strutture in cui questi “malori” si sono manifestati avevano ricevuto lo stesso lotto di vaccini.

Come già detto, i vaccini portano inevitabilmente effetti collaterali nella maggior parte delle persone. Vediamo insieme quali sono quelli prodotti dal vaccino Astrazeneca che, ricordiamo, potrà essere somministrato dai 18 ai 65 anni di età, in seguito all’approvazione da parte dell’AIFA.

Il vaccino stimola le difese naturali dell’organismo, ovvero il sistema immunitario, facendo sì che produca anticorpi e globuli bianchi specializzati che agiscono contro il virus e forniscono una protezione contro il Covid-19.

Gli esperti considerano normale la comparsa di effetti indesiderati lievi perché sono indicatori dell’attivazione della risposta immunitaria.

Gli effetti collaterali comuni sono:

  • dolorabilità, dolore, calore, prurito o lividi nel punto in cui viene praticata l’iniezione
  • sensazione di stanchezza (affaticamento) o sensazione di malessere generale
  • brividi o sensazione di febbre
  • mal di testa
  • sensazione di malessere (nausea)
  • diarrea
  • dolore alle articolazioni o dolore muscolare

Ci sono poi gli effetti collaterali non comuni che possono interessare una bassa percentuale di vaccinati:

  • sonnolenza o sensazione di vertigini
  • diminuzione dell’appetito
  • ingrossamento dei linfonodi
  • sudorazione eccessiva, prurito o eruzione cutanea.