Il “bilancio della vaccinazione in Europa”: ancora abuso di Eudravigilance

il-“bilancio-della-vaccinazione-in-europa”:-ancora-abuso-di-eudravigilance

Ci risiamo: circola un foglietto in lingua francese con una serie di numeri, definito “bilancio della vaccinazione in Europa”.

Questa volta il feticismo dei complottisti per la carta stampata assolve ad un preciso scopo di mistificazione: occultare il meccanismo che rende possibile la farmacovigilanza e regola i dati reperibili da essa.

Se infatti il complottista di turno si limita a fotografare un foglietto stampato come questo

Il “bilancio della vaccinazione in Europa”: ancora abuso di Eudravigilance

Otterrà l’effetto di seminare il panico relativamente ai dati contenuti. Effetto pienamente voluto, dato che recandosi a consultare la fonte invece si otterrà questa schermata.

La Clausola di Esclusione della responsabilità

Partiamo da un punto noto sin da quando in America la comunità complottista ha deciso di abusare delle segnalazioni al VAERS (il locale servizio di segnalazione eventi avversi) perlopiù per motivi legati all’ideologia novax.

Abuso del VAERS, abuso di EudraVigilance, perché “bilancio della vaccinazione in Europa” non è affidabile

Sostanzialmente, come avrete potuto leggere nella screen indicata, le informazioni indicate ai portali di Farmacovigilanza “non rappresentano una conferma di un potenziale nesso tra il medicinale e l’effetto o gli effetti osservati”.

Inoltre “il numero di sospetti effetti indesiderati presenti in EudraVigilance non deve essere utilizzato come base per determinare la probabilità che si verifichi un effetto indesiderato. Questo perché i numeri devono essere messi in relazione con altri fattori, tra cui il numero di persone che assumono il medicinale e la durata della commercializzazione dello stesso” e “Ogni singolo caso registrato in EudraVigilance si riferisce in generale a un paziente; tuttavia, una segnalazione può contenere riferimenti a più di un effetto indesiderato. Pertanto, il numero di effetti indesiderati non corrisponderà necessariamente al numero dei casi singoli.“.

È così che la Farmacovigilanza funziona. Un qualsiasi evento di qualsiasi tipo temporalmente successivo al vaccino o ad altra somministrazione verrà segnalato e registrato.

E come ricorda Reuters, l’accesso al VAERS ed ogni altro ente di segnalazioni è puntellato di disclaimers che dichiarano i dati “incompleti, non accurati, legati a coincidenze e non verificabili”.

In seguito si valuterà il legame.

Ricorderemo sempre il caso di James Laidler, complottista pentito e anestesiologo che, per dimostrare il meccanismo precitato, segnalò che una vaccinazione di routine l’aveva tramutato nell’Incredibile Hulk, compreso di muscoli possenti e ipetrofici e l’invulnerabile pelle verde.

Laidler chiese e ottenne la cancellazione della falsa segnalazione, ma ogni segnalazione di cui non viene chiesta rimozione resta lì, a imperitura memoria.

Anche se salvo i casi più pacchiani parliamo di senalazioni  perlopiù autentiche, sono semplici segnalazioni di prossimità.

“Ho fatto il vaccino X, dopo è successo Y, qualcuno indaghi”.

Non aiuta il fatto che, statisticamente parlando siamo di fronte alla prima vaccinazione di massa del XXImo secolo, anzi degli ultimi decenni.

Vaccinazione che comprende praticamente la maggioranza dei cittadini Europei e Americani e un numero crescente di quelli delle altre nazioni.

Numeri che si apprestano a crescere.

Va da sé che vaccinando chiunque, è estremamente plausibile trovare tra i vaccinati morti di cause naturali che comunque saranno segnalati per “togliersi il dubbio”.

Nessuna segnalazione va quindi presa “come oro colato”.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.