la-madre-di-alessia-pifferi-si-sfoga-con-la-figlia-su-facebook-dopo-aver-perso-la-piccola-diana

La madre di Alessia Pifferi si sfoga con la figlia su Facebook dopo aver perso la piccola Diana

In tanti ci hanno chiesto se fossero vere le parole della signora Maria, madre di Alessia Pifferi, la quale su Facebook si sarebbe sfogata pesantemente contro la figlia, responsabile della morte della piccola Diana. I fatti sono ormai noti a tutti, con la donna di 37 anni che ha lasciato da sola a casa una bambina di appena 18 mesi, al fine di recarsi a Lecco a casa del compagno. Quest’ultimo, interrogato dagli inquirenti, fa sapere di essere stato all’oscuro di tutto, visto che la sua fidanzata gli aveva detto che la bambina fosse al mare con la sorella.

Cosa ha detto la madre di Alessia Pifferi nei confronti della figlia su Facebook dopo aver perso la piccola Diana

Ora, però, ci sono altri elementi che vanno ad integrare quanto riportato lo scorso fine settimana sul nostro sito. In primo luogo, il profilo di Alessia Pifferi appare ormai chiaro. La piccola Diana è frutto di un amore “clandestino e, fondamentalmente, pare che la madre non abbia mai realmente voluto la bambina. Altro elemento sconvolgente riguardante la vicenda, poi, si riferisce al fatto che un anno e mezzo fa la stessa Alessia Pifferi abbia partorito da sola a casa del compagno.

Vicenda che ha causato problemi ai reni, nei mesi successivi, alla piccola Diana. Come se non bastasse, all’uomo avrebbe detto di non essere incinta, nonostante i sospetti di quest’ultimo, mentre la nonna della nascitura sapeva della gravidanza già al terzo mese. Insomma, bugie su bugie, al punto che Alessia Pifferi avrebbe parlato addirittura della morte di sua madre alla gente del posto, sopraggiunta dopo il Covid.

Alla luce di tutte queste notizie, che ovviamente rappresentano solo un contorno rispetto alla tragica vicenda della piccola Diana morta, la madre di Alessia Pifferi ha risposto ai messaggi di cordoglio su Facebook facendo presente che sua figlia sia un mostro. Non vi linkiamo il profilo per privacy, ma diverse fonti confermano.

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

ATTENZIONE – L’articolo verrà successivamente completato con un FACT-CHECKING COMPLETO, ma per ora presenta un TAG PROVVISORIO con le informazioni fino ad ora raccolte per bloccare la viralità di eventuali bufale. La metodologia è spiegata nella seguente sezione: https://www.bufale.net/fact-checking-prearticoli

Related Posts

Lascia un commento