laura-pausini-rifiuta-di-cantare-“bella-ciao”,-ma-risponde-a-chi-la-usa-per-propaganda

Laura Pausini rifiuta di cantare “Bella Ciao”, ma risponde a chi la usa per propaganda

Sta facendo molto discutere, in queste ore, il video che ritrae Laura Pausini mentre la cantante italiana si rifiuta di cantare “Bella Ciao”, mentre è ospite di una trasmissione televisiva spagnola. Dopo averle dedicato degli spazi in passato, per precisare alcune sue presunte dichiarazioni, oggi tocca per forza di cose aprire una parentesi che ha risvolti politici. Già, perché determinati schieramenti l’hanno immediatamente utilizzata per meri scopi di propaganda dopo i fatti di ieri.

Conferme e chiarimenti su Laura Pausini che rifiuta di cantare “Bella Ciao” in Spagna

Come sono andate le cose in tv? Come viene riportato da alcune fonti spagnole, effettivamente Laura Pausini avrebbe declinato l’invito a cantare “Bella Ciao”. Si tratta di una canzone diventata molto popolare anche dalle loro parti, in quanto cavallo di battaglia della serie TV “La Casa di Carta”. Appunto, di origini iberiche. Lo scopo, in quel contesto, era cantare pezzi in cui fosse presente la parola “cuore” e quando il conduttore ha invitato l’artista italiana a focalizzarsi su “Bella Ciao”, lei ha deciso di rifiutare.

Successivamente, ha lasciato intendere di non voler essere associata a canzoni di natura politica, a prescindere dal fatto che possano essere di Destra o di Sinistra. Questo, probabilmente, l’unico vero errore di Laura Pausini, se non altro perché “Bella Ciao” non possa essere vista a grandi linee come canzone politica. Detto questo, la cantante con un tweet ha voluto rispondere a chi sta utilizzando i fatti di ieri per fare propaganda politica.

A tal proposito, ha detto ad esempio di cantare quello che pensa della vita da 30 anni a questa parte, ma al contempo ha voluto precisare alcuni concetti sui risvolti politici della vicenda “Bella Ciao”. Come? Affermando che a suo modo di vedere il fascismo sia una vergogna assoluta. Allo stesso tempo, non vuole che qualcuno la usi per propaganda politica, inventando cose sul suo conto che non esistono

Se il nostro servizio ti piace sostienici su PATREON o con una donazione PAYPAL.

ATTENZIONE – L’articolo verrà successivamente completato con un FACT-CHECKING COMPLETO, ma per ora presenta un TAG PROVVISORIO con le informazioni fino ad ora raccolte per bloccare la viralità di eventuali bufale. La metodologia è spiegata nella seguente sezione: https://www.bufale.net/fact-checking-prearticoli

Related Posts

Lascia un commento