noemi-accusa-la-redazione-della-figuraccia-fatta-a-uomini-e-donne-–-il-vicolo-delle-news

Noemi accusa la redazione della figuraccia fatta a Uomini e Donne – Il Vicolo delle News

Maria De Filippi l’ha smascherata ma lei non ci sta

Ieri durante la puntata di Uomini e Donne, si è smascherata la solita “impostora” più interessata alle telecamere che al tronista che stava corteggiando.

Noemi Sales corteggiava Federico Dainese, che per un paio di settimane non l’aveva portata in esterna, preferendole altre due ragazze.

Ieri però abbiamo assistito ad un ritorno tra i due, un’esterna in cui lui ha addirittura provato a baciarla e lei invece si è scansata.

Tornati in studio, improvvisamente la ragazza ha dichiarato di volersene andare perchè non trovava un affinità intellettiva con Federico.

Gianni è intervenuto dicendo che tra loro c’era sempre stato un approccio più che altro fisico, quindi questa obiezione di lei sembrava strana.

A quel punto è intervenuta Maria, spingendo Noemi a confessare di sua sponte come stavano realmente le cose.

La ragazza ha fatto orecchie da mercante e la conduttrice è stata costretta a tirare fuori delle foto in cui veniva ritratta mentre baciava un ragazzo.

La napoletana interdetta non è riuscita a spiegarsi o a dare delle giuste motivazioni ed è uscita dallo studio con una frase di Sperti nella testa:

“Che figura di mxxxa”.

Dopo la puntata però, Noemi ci ha tenuto a spiegare che in realtà è stata la redazione ad impedirle di andarsene prima e che si sente con la coscienza a posto.

Erano due settimane che lei voleva lasciare il programma ma non le è stato permesso.

Peccato che se uno ti piace tanto, come dichiarava lei a Federico, ci metti un po’ più di due settimane a consolarti e trovarti un altro no?

Come ha detto giustamente la De Filippi, avrebbe fatto più bella figura a dire che il tronista non le piaceva realmente e che aveva trovato un altro che invece le aveva rubato il cuore.

Cosa pensate della sua giustificazione?

Seguiteci su Telegram cliccando qui

Seguiteci su Twitter cliccando qui

Related Posts

Lascia un commento