“volevo-essere-madame-bovary”-di-anilda-ibrahimi-a-brindisi

“Volevo essere Madame Bovary” di Anilda Ibrahimi a Brindisi

Mercoledì 27 luglio, alle ore 20, presso la Terrazza Barrique di via del Mare di Brindisi sarà presentato dall’autrice Anilda Ibrahimi il libro “Volevo essere Madame Bovary” (edizioni Einaudi).

Sarà la giornalista Francesca Mandese a presentare l’evento, promosso dalle librerie Giunti al Punto di Brindisi, con la partecipazione dello scrittore e già sindaco della città Pino Marchionna che dialogherà con l’autrice.

Ѐ un ritorno potente in libreria di Anilda Ibrahimi (direttrice artistica del Festival delle Letterature dì Lecce) con il romanzo “Volevo essere Madame Bovary”, uscito il 24 maggio per Einaudi. Già nota al pubblico con “Rosso come una sposa” e premio Rapallo nel 2017 con “Il tuo nome è una promessa”, anche in questo romanzo l’autrice si focalizza sulle figure femminili. Con la sua voce essenziale e ironica, Ibrahimi narra la storia generazionale delle donne che hanno vissuto il socialismo reale, quando il patriarcato tradizionale fu sostituito da quello socialista.

Hera, la protagonista, è una ragazza che osserva e cerca di capire il mondo e l’unico modo che ha per farlo, vivendo in un regime dove la donna teoricamente ha raggiunto la parità con l’uomo, sono i romanzi che legge e che la fanno sognare. Vorrebbe essere Madame Bovary o Anna Karenina, vorrebbe essere una femmina e invece deve essere l’Uomo Nuovo e vestirsi come un maschio per costruire la nuova società. Poi, un giorno lascia il suo paese l’Albania e arriva in Italia, cerca di adattarsi al mondo nuovo e vivere da donna emancipata, aveva rifiutato di creare la famiglia socialista e, invece, finisce per crearne una cattolica.”

L’ingresso all’evento è libero

Related Posts

Lascia un commento